De Lillo: «Collegi imposti dall’alto, un grave errore»

«Forza Italia deve tornare a essere il partito della gente. I responsabili dei collegi devono perciò essere espressione del territorio, non effetto di scelte verticistiche». Lo dichiara Stefano De Lillo, consigliere regionale di Forza Italia. «Imporre i responsabili dei collegi dall’alto, come si appresta a fare la Coordinatrice regionale Beatrice Lorenzin, rischia di non riconoscere la rappresentatività e i risultati ottenuti sul territorio da quegli eletti e quadri del partito che si sono dedicati a Forza Italia senza altra ambizione che quella di rispondere agli obiettivi e ai programmi di governo definiti dal partito guidato da Silvio Berlusconi; per non parlare del fatto che questa iniziativa cade in un momento non opportuno, dato che si discute in questi giorni della nuova legge elettorale. Alla Coordinatrice regionale facciamo presente che, se si intende valorizzare e non penalizzare la credibilità del partito, i nomi dei coordinatori dei collegi devono scaturire dal confronto con il partito stesso. Solo chi conosce il territorio può essere in grado di portare Forza Italia a rappresentarlo con nuovi eletti. In caso contrario, se verranno imposti nomi di persone scollegate dal territorio e dalla base del partito, il rischio sarà quello della scarsa rappresentatività e della mancata risposta degli elettori».