De Polis: «L’istruttoria? Non l’ho fatta» Frasca: «Lo so, ormai siamo in ballo...»

Il dialogo tra due dirigenti di via Nazionale e le telefonate tra Cristina Fazio e il numero uno lodigiano

da Milano

Telefonata tra Cristina Rosati Fazio (CR) e Gianpiero Fiorani (GF) sull’autorizzazione che Bankitalia andrà a concedere alla Popolare italiana:
(GF):«Io, io gli ho già fatto il film, guarda, il film che sarà così, vedrai, ho detto a tuo marito e a De Mattia (capo della segreteria di Fazio, ndr): fatelo, fatelo stasera per cortesia, mettetevi in una stanza, non uscite dalla stanza, fate sta benedetta lettera, perché domani non sappiamo... sì diciamo che domani rigorosamente il... ha convocato Frasca, è tutto così Cristina, ma guarda ma comunque io..., io tutto voglio fare, io non sono entrato apposta, però volentieri sarei... e abbracciato, ma non sono entrato apposta per non buttarti addosso elementi ulteriori di tensione che però...».
(CR): «Guarda io sono notti che non dormo neanche io...io stasera sono tranqullo, quindi ci risentiamo, tu ce l’hai quel numero che ti ho dato».
A scrivere l’autorizzazione di Bankitalia a Popolare Italiana venne scelto Stefano De Polis (SP), responsabile della divisione analisi e interventi. Convocato in Procura non se ne spiega il motivo e si confronta con Francesco Frasca (FF), capo vigilanza:
(SP): «Ma anche perché io non so... tra l’altro... anche tu sai il mio ruolo quale è stato... cioè io sono entrato in queste vicende...».
(FF): «Sì sì ma evidentemente nasce da qualche notizia che ha avuto, per riferirsi a chi ha fatto l’istruttoria».
(SP): «Ehhh va bene ehh io poi non l’ho fatta l’istruttoria in realtà eh».
(FF): «Si però diciamo quando ormai siamo in ballo ...dobbiamo ballare».
Telefonata tra due funzionari di Bankitalia, Nicola Stabile (NS) e Longo (L) nell'imminenza del parere sulle varie operazioni di Bpl.
(NS): «Io, leggendo quei call agreement».
(L): «Sì?»
(NS): «Mi sembra di non aver trovato niente di anomalo»
(L): «Ma stì call questi ultimi?
(NS): «Sì, certo... perché l’autorizzazione a quell’equity».
(L): «Qui c’e scritto equity finance. Le altre call non te le hanno date?
(NS): «Io non ho avuto niente».
(L): «Perché di nuovo ho richiamato D’Amico che dice, ma come, Rovello non ve le ha portate? Questi continuano a fare sto giochetto che io non capisco...».
(NS): «Noi andiamo avanti per la nostra strada, di quello che vuole fare il vecchio (forse Fazio, ndr) non ce ne frega niente, quindi...».
Telefonata tra Stefano Ricucci (SR) e Emilio Gnutti (EG) su un’intervista di Tronchetti Provera:
(SR): «Il problema di fondo è un altro...ma tu l’hai letta l’intervista a Tronchetti Provera su Repubblica?».
(EG): «No».
(SR): «E leggila va, che parla de me e de te... C’è tutta l’intervista del dottor Tronchetti Provera, che loro sono il salotto sano... loro che c’ha 45 miliardi di euro di debiti il salotto sano lui c’ha!».
(EG): «Eh sì ma viene a miti consigli anche lui eh! L’anno prossimo».
(SR): «Ah l’anno pro...cominciamo a diglielo subito!».