De Rosa: «I play off? Si giocheranno»

Nessuno al Genoa si è mai fatto illusioni, ma onestamente un finale così incerto nessuno poteva immaginarselo. Il testa a testa col Napoli prosegue e se c’è chi fa i conti sul quarto posto per distanziarlo di dieci punti così da evitare i play-off, c’è chi, invece, le tabelle le riserva per mettere un punticino di differenza dal Napoli e assicurarsi la promozione. Gaetano De Rosa, che sabato torna a Bari dove è stato una bandiera per anni, sceglie la seconda ipotesi: «C’è poco da dire. Il Napoli non giocherà bene, ma fa punti e incassa pochissimi gol. Ce la giocheremo con loro fino alla fine. Non credo che i play-off saltino. Per questo noi dobbiamo pensare solo a noi stessi cercando di fare il massimo in ogni partita. A Bari giocheremo stando molto attenti. Non dovremo essere troppo spregiudicati».
Guardando il calendario delle inseguitrici di Grifone e Napoli, Il Rimini già sabato a Spezia rischia di concedere qualcosa e poi avrà comunque avversari ancora motivati come Arezzo in casa e Triestina fuori. È pensabile che i romagnoli non facciano 12 punti e quindi si possano fermare al massimo a quota 70. Il Mantova idem. La formazione di Di Carlo ha un cammino niente affatto agevole con la trasferta di Torino con la Juventus che potrebbe festeggiare la promozione proprio con i virgiliani. Al massimo battendo Genoa e Rimini (che allora si fermerebbe a 67) potrebbe arrivare a 70, ma sulla carta ne fa due o tre in meno. Il Bologna anche vincendole tutte tocca i settanta punti avendone 58. Questo significa che se il Napoli farà l’ein plein con Modena, Verona in trasferta e Lecce al San Paolo arriverà a 80 prima di venire a Marassi e quindi potrebbe già essere promossa. Significa che il Genoa con un punto a Bari e tre col Pescara va già a 77 e pur perdendo a Mantova chiuderebbe in casa col Napoli già in A (solo se vince a Verona) e oggettivamente potrebbe fare tre punti raggiungendo i campani a 80. Il problema è il Piacenza. La formazione di Iachini ha 60 punti e con quattro gare a disposizione contro formazioni senza stimoli potrebbe ottenerne 72, facendo saltare il banco a Genoa e Napoli. Però, se il Cesena sabato affronterà seriamente il match col Pescara potrebbe rallentare subito gli emiliani che pur facendo il pieno in seguioto con Spezia, gara comunque spessa, Vicenza e Triestina (forse già salva) chiuderebbe a 70 non salvando i play-off. Insomma, dipende molto da Rimini e soprattutto dalla voglia delle avversarie del Piacenza che nell’ultimo mese e mezzo batte solo chi è già in vacanza e mai chi si gioca qualcosa. Ma il Genoa farà bene a tentare il colpo a Bari e anche a Mantova per chiudere ogni discorso senza rompersi la testa in addizioni pericolose. E dopo un campionato così la squadra di Gasperini meriterebbe un epilogo più sereno. Ma non sarebbe il Genoa.