Debole in Borsa Pistorio va alla Ue

Telecom Italia

Telecom Italia in netto calo a Piazza Affari (-1,36%), complice anche la debolezza dell’intero comparto europeo delle tlc. Ieri i titoli hanno toccato un minimo a 2,01 euro, livello che non vedevano primo aprile 2003 e ben distante dai 2,85 euro messi sul piatto a fine aprile da Telefónica per rilevare insieme alla cordata di banche la quota custodita in Olimpia. Dallo scorso 25 maggio le azioni hanno perso circa il 7% del proprio valore. Secondo gli analisti, Telecom paga l’incertezza sul futuro della compagnia. Resta invece fiducioso il presidente Pasquale Pistorio che ieri ha visto il commissario Ue Viviane Reding: «Con l’Europa siamo in sintonia - ha detto - mentre con Telefónica cercheremo di sviluppare le sinergie potenziali».