Il debutto del Fenomeno è previsto col Livorno

Ha voglia di giocare e di divertirsi. Ripreso ieri, al culmine del suo primo allenamento col gruppo, un siparietto gustoso con Kakà. Ronaldo convoca Riccardino e gli dice: «Guarda, ho qualcosa nell’occhio». Kakà «abbocca», si avvicina e riceve sul viso uno spruzzo d’acqua dalla borraccia nascosta dietro la schiena. Così il Fenomeno mette piede nella nuova squadra dove può contare su consolidate amicizie e antichi rivali che oggi gli spalancano le porte, Maldini e Costacurta in primo piano. Ma lo stato di forma di Ronaldo è tale da suggerire prudenza. Il suo primo allenamento offre spunti positivi, firmato anche un gol, tanto per non perdere le buone abitudini ma il giorno del debutto in campionato non è così vicino. Perciò l’idea dello staff medico, balenata giovedì sera, è rientrata. E sostituita da un piano più razionale che prevede la prossima settimana tutta dedita al recupero dello smalto migliore rinviando perciò alla prossima sfida domestica con il Livorno tra meno di dieci giorni l’appuntamento col debutto. Niente Ascoli, allora: è ufficiale.
Eppure l’effetto Ronaldo sembra già contagiare il campionato. Le prime conferme arrivano da Ascoli dove si prevede per domenica pomeriggio il primo esaurito della stagione. È vero, la capienza dello stadio è stata ridotta (mai eseguiti i lavori del decreto Pisanu per un dissidio tra comune e società ascolana) a 23mila unità; è vero non ci sono mai state nel girone d’andata le sfide di cartello ma i 400mila euro di incasso sono il frutto di una particolare febbre che ha coinvolto tutte le Marche, sede di numerosi Milanclub e i biglietti messi a disposizione del tifo rossonero sono stati poco più di mille. A ruba invece i «bigliettoni», cioè il tagliando doppio che consente di acquistare con un prezzo ridotto l’ingresso per le partite con Milan e Udinese. Poco meno di seimila le prenotazioni. Previsto infine da parte della Questura di Ascoli un ingente servizio d’ordine che tiene conto anche della possibilità che Ronaldo possa finire in tribuna, accanto alla delegazione rossonera.
Nel frattempo gli accertamenti clinici eseguiti sul conto di Dida e Inzaghi hanno fornito notizie meno preoccupanti. Il portiere brasiliano può recuperare di sicuro in vista della sfida di Champions league, a Glasgow contro il Celtic, SuperPippo salterà soltanto Ascoli e tornerà a disposizione col Livorno.