Debutto con vittoria per il gioiellino doriano

Avrebbe dovuto essere il suo mondiale, ma, fino a mercoledì, durante la manifestazione Under 20 in Canada, al sampdoriano «stelle e strisce» Gabriel Enzo Ferrari era toccata soltanto la panchina. Fino a mercoledì però, quando il centravanti italo-brasil-americano, punta di diamante della prossima Primavera blucerchiata di Fulvio Pea, è stato buttato nella mischia all’81esimo minuto dell'ottavo di finale USA-Uruguay, con gli statunitensi sotto di un gol. «Gabe», come lo chiamano al di là dell'Atlantico, non ha incantato - s'è anche fatto ammonire - ma, con lui in campo, gli States sono riusciti a ribaltare il risultato (2-1 il punteggio finale dopo i supplementari) e hanno fatto fuori la quotata «Celeste» del palermitano Cavani. Domani a Toronto, i quarti contro l'Austria e Gabe si candida, se non come titolare, almeno come porta-fortuna.