Decide nel finale un rigore di Rosina

Torino. Era una partita a rischio e tale si è confermata. La sfida tra Torino e Sampdoria è stata infatti preceduta da scontri tra i tifosi. La gueriglia è iniziata verso le 19,15 quando in corso Sebastopoli, angolo via Filadelfia, sono iniziati i primi tafferugli in coincidenza con l’arrivo dei pullman con 900 tifosi genovesi. Un mezzo è stato bloccato dagli ultrà granata e gli agenti sono intervenuti per evitare il contatto tra le due fazioni lanciando anche dei lacrimogeni. Il fumo ha però invaso anche gli spogliatoi dello stadio, costringendo squadre e arbitri a cambiare stanze. I tifosi doriani, scesi dai pullman, sono stati scortati a piedi fin dentro lo stadio per evitare contatti con gli avversari. In campo poi i granata hanno dato tutto per raggiungere la vittoria, ottenuta a dieci minuti dalla fine quando l’incauto Sala ha strattonato Abbruscato, iniziando l’abbraccio fuori area ma concludendolo abbondantemente dento. E Rosina, il migliore in campo, dal dischetto non ha fallito, regalando al Toro tre punti d’oro. Per la Samp, la bella notizia è di oggi: scade la squalifica di Flachi e Novellino potrà cercare le soluzioni offensive che non è riuscito a trovare col Torino.