Il declino di Blockbuster, è vicino alla bancarotta: in Usa chiusi 800 negozi

Dopo un decennio di dominio del mercato, la crisi economica e la pirateria hanno pressochè sconfitto Blockbuster Video, la grande catena di negozi per l’acquisto e l’affitto di film su dvd e blu-ray<br />

Los Angeles - Dopo un decennio di dominio del mercato, la crisi economica e la pirateria hanno pressochè sconfitto Blockbuster Video, la grande catena di negozi per l’acquisto e l’affitto di film su dvd e blu-ray. Gli amministratori della compagnia, che possiede quasi 3500 negozi in tutti gli Stati Uniti e succursali in 29 nazioni nel mondo, hanno annunciato che a metà settembre presenteranno istanza di fallimento, e trattative sono in corso con le principali case cinematografiche affinchè, nonostante la bancarotta, queste continuino a fornire alla catena di videonoleggio il materiale necessario a continuare l’attività. La scorsa settimana infatti, riporta il Los Angeles Times, il presidente di Blockbuster la cui sede principale è a Dallas, Jim Keyes e i vertici di 20th Century Fox, Paramount, Sony, Universal, Walt Disney e Warner Bros si sono incontrati a Los Angeles per discutere un piano d’azione che consenta di salvare almeno parte dell’attività di homevideo rental. Blockbuster ha perso dall’inizio della crisi, ovvero dai primi mesi del 2008, circa un miliardo di dollari e gli interessi sui 920 milioni di debito che la compagnia deve pagare ogni mese stanno strozzando la mecca dell’homevideo.

In chiusura 800 punti vendita Per arginare le perdite i vertici della compagnia hanno deciso per la chiusura di circa 800 punti vendita negli Stati Uniti e una "pre-planned bankruptcy" , qualcosa di più del concordato preventivo della legislazione fallimentare italiana. Nell’ultimo anno Blockbuster aveva già chiuso 1000 punti vendita nel territorio americano, una crisi che non ha solo a che fare con la globale congiuntura economica negativa di quest’ultimo periodo, ma con un mercato che ha perso interesse per l’affitto di cassette e dvd a causa della pirateria via internet, della play-per-view e dei sistemi di affitto dei video con consegna a domicilio come Netflix e Redbox. Sul sito internet del Los Angeles Times i lettori e i fruitori del servizio fornito da Blockbuster non hanno mancato di dare la loro interpretazione alla crisi della compagnia texana. Per molti una catena di distribuzione che affitta film a prezzi non competitivi e fa pagare salate multe in caso di consegna in ritardo del supporto video non ha più senso di esistere, nel mondo della grande comunicazione digitale.

Tentativo di salvataggio Seppure quello che avrà luogo a settembre dovesse essere un tentativo di salvataggio, Blockbuster, così come è successo recentemente per la concorrente Hollywood video, ha i giorni contati. Anche in Italia la crisi si è fatta sentire. Da inizio 2008 la perdita economica dei Blockbuster italiani, che danno lavoro a 1500 dipendenti, è di 5 milioni di euro e un piano di ridimensionamento dovrebbe portare a breve alla chiusura di 20 dei 235 punti vendita presenti sul nostro territorio.