Decolla la Soge, gestirà l'Expo 2015 Diana Bracco nominata presidente

Costituita ufficialmente a Palazzo Marino la società per il grande evento. L'ex rettore della Bocconi, Provasoli indicato dal ministro del Tesoro come rappresentante nel cda in cui entrano anche Alli per la Regione, Corali per la Provincia, Glisenti per il Comune e Bracco per la Camera di Commercio

È stata costituita ufficialmente la Soge, la società che dovrà gestire l’Expo 2015 a Milano. Presidente della società è stata nominata Diana Bracco, presidente di Assolombarda. «Si tratta di un passo molto importante in vista di un evento fondamentale del nostro Paese com’è l’Expo 2015 - ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni -. I prossimi anni saranno dedicati a far conoscere il progetto dell’Expo per coinvolgere tutti i Paesi in vista del 2015». «Il ministero dell’Economia - ha detto il sindaco Moratti - ha indicato Diana Bracco alla presidenza e indicato il professor Provasoli come proprio consigliere».

La Soge ha un azionariato diviso tra il Tesoro, che possiede il 40%, il Comune di Milano e la Regione Lombardia che hanno il 20% ciascuno e la Provincia di Milano che detiene il 10% come la Camera di commercio del capoluogo lombardo.

Nell’atto costitutivo  sono indicati anche i cinque componenti del consiglio di amministrazione: Diana Bracco, che è stata subito indicata come presidente della società, l’ex rettore della Bocconi, Angelo Provasoli, indicato dal Tesoro, Enrico Corali, indicato dalla Provincia di Milano, Paolo Alli indicato dalla Regione Lombardia e Paolo Glisenti, indicato dal Comune di Milano. Il nome della Bracco è stato invece indicato dalla Camera di commercio di Milano.

Sarà il consiglio di amministrazione, che si riunirà per la prima volta nella settimana dopo Sant’Ambrogio, ad indicare l’amministratore delegato della Soge, che sarà con ogni probilità Paolo Glisenti, il "braccio destro" del sindaco di Milano Letizia Moratti. Il consiglio di amministrazione della Soge, dovrà anche indicare il compenso del futuro amministratore delegato.

Nominato il collegio sindacale che vede come presidente Dario Fruscio, già parlamentare della Lega nord e Marco Spadaccini. Il terzo componente del collegio sindacale è Beniamino Lo Presti e nell’atto costitutivo sono stati definiti anche i compensi del presidente dei sindaci e dei due sindaci ordinari che sono rispettivamente di 30 e 20 mila euro all’anno. Quanto ai compensi dei 5 componenti del Consiglio di amministrazione, questi saranno decisi dall’assemblea dei soci di gennaio.