Decreto anti-scalate, il nostalgico Tremonti: meglio Iri e Mediobanca

Parlando al workshop Ambrosetti di Cernobbio, il ministro dell'Economia ha espresso nostalgia per il passato. "Sarebbe meglio la vecchia Iri e la grande Mediobanca". Poi sul federalismo fiscale: "E' come un diesel"  

Cernobbio - "In questo momento, vedendo come è cambiato oggi il mondo, sarebbe meglio avere l'Iri e la vecchia Mediobanca". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, a margine del suo intervento al forum economico Ambrosetti di Cernobbio (Como), parlando della necessità di intervento tramite la Cassa depositi e prestiti per salvare Parmalat. "In questo momento - ha spiegato - la competizione è tra giganti. Noi, invece, continuiamo a fare gli spezzatini. Questa è una riflessione che tutti dobbiamo fare". ll governo presenterà in consiglio Europeo una legge antiscalate identica ai francesi "anzi la presenteremo direttamente in francese", ha annunciato il ministro . "Se non va bene - ha spiegato - simul stabunt, simul cadent".

Sul federalismo fiscale  Il ministro dell’Economia ha parlato poi di federalismo fiscale, spiegando che "ha una forza lenta un po' come un diesel e lo si vedrà dal lato dei costi, perché porterà uno standard oltre al quale i governanti locali non potranno andare". Secondo Tremonti, in molte realtà locali gli amministratori "hanno attuato la tecnica del più spendi più voti prendi". "Bisogna spiegare - ha aggiunto il ministro - come mai le famiglie del Sud debbono far curare i bambini al nord perché la sanità da loro costa di più". "Metteremo nel programma nazionale di riforma il nostro ddl delega di riforma fiscale. Abbiamo in questi giorni un tavolo di lavoro che produrrà un volume importante, esattamente corrispondente alla nostra filosofia politica che abbiamo proposto dal 1994", ha concluso Tremonti.

Caso Parmalat Sulla vicenda Parmalat Tremonti ha spiegato che il governo italiano "ha fatto come i francesi" e che "la nuova norma prevede la possibilità per la Cdp di fare un fondo identico a quello strategico francese". In questo caso il ministro ha paragonato Parmalat al colosso alimentare Danone: "se la Danone è nel fondo strategico francese, non vedo che cosa c’è di strano se...", senza concludere la frase. "In Francia - si è chiesto - c’è il mercato?". "Bene,c’è anche in Italia"