Dedicarsi a un amore surrealista per non annegare in teoremi e postulati

Ecco i libri che la redazione Cultura del Giornale ha letto per voi e che vi segnala, divisi per categorie serie e semiserie.
DA NON PERDERE
Londra noir a cura di Cathi Unsworth (Alet, pagg. 285, euro 13,50). Una raccolta di gialli londinesi che più che essere ambientati a Londra sono Londra. A scriverli, un sacco di bravi autori, noti e meno noti, tra cui spiccano Patrick McCabe e Ken Bruen. Da non perdere per gli amanti del genere. Amanti che saranno felici anche degli altri libri della stessa collana, di «citythriller», in libreria a brevissimo: Los Angeles noir e Brooklyn noir.
SE VI FOSSE SFUGGITO
La donna, la libertà, l’amore. Un’antologia del surrealismo a cura di Paola Dècina Lombardi (Mondadori, pagg. 632, euro 14). Tutto quello che c’è da sapere sui surrealisti e il loro rapporto con il femminino, con la donna. Per chi ama le panoramiche.
DA COMODINO
Due di troppo di Janet Evanovich (Salani, pagg. 352, euro 16,80). Un giallone con investigatrice super sexy, Stephanie Plum, che manda in visibilio i maschietti e fa simpatia alle femminucce (soprattutto se ragazzacce nell’intimo). Non sarà un capolavoro letterario, ma diverte davvero. Per comodini scanzonatamente avventurosi.
DA TASCA
Lettera a D. Storia di un amore di André Gorz (Sellerio, pagg. 68, euro 9). Il romantico bilancio di un amore, durato una vita, che deve fare i conti con la malattia e la morte. Un librino intenso e delicato che racchiude due esistenze vere, quelle dello scrittore ebreo André Gorz e di sua moglie Dorine. Per tasche abbastanza ampie da contenere due anime.
DA CESTINO
La scienza spiegata a Nicolás di Carlos Chordá (Tropea, pagg. 224 euro 14,50). Ennesimo tentativo di riconciliare i giovani con la complessità della scienza. Semplificandola. È un genere difficile. In questo caso il risultato è piuttosto noioso, nonostante il lodevole sforzo pedagogico. Il salvagente porta a fondo il fanciullo che si vuol salvare. Potrebbe piacere di più a ragazzi che la materia la masticano di loro.