«Il deficit cresce Italia in ritardo»

Francoforte. Arriva dall’Eurotower di Francoforte l’ennesimo richiamo sui conti pubblici italiani: nel nostro Paese, ma anche in nelle altre nazioni con deficit eccessivo - Grecia, Francia, Portogallo - «è necessario avanzare con maggiore determinazione verso il conseguimento di finanze pubbliche solide», si legge nel Bollettino di giugno della Banca centrale europea. In particolare, Italia e Portogallo sono «a rischio». L’Italia e gli altri Paesi con disavanzo eccessivo devono mantenere gli impegni presi con l’Europa. In caso contrario, ricorda la Bce, dovranno essere attuate le misure previste dal Patto di stabilità.