«Prima definiamo la griglia di partenza»

Un testo unico per il decoro urbano. L’idea è di Francesco Rutelli, che ieri ha effettuato un sopralluogo al lungotevere Farnesina, sul perimetro dell’Accademia dei Lincei, il cui muro di cinta è deturpato da scritte a spray del tutto prive di qualsivoglia valore artistico. «Queste mura racchiudono la storica e bellissima dimora dei Chigi, dove la famiglia romana riceveva i suoi ospiti e serviva le proprie cene su vasellame d’oro che poi gettava nel fiume in segno di ricchezza», spiega un Rutelli in veste di cicerone ai giornalisti. A parte le note di colore, tuttavia, Rutelli tiene a segnalare «una situazione in cui si è innestato un meccanismo mentale che fa dire alle persone: “sporco la città e me ne frego”. Non si può fare e chi lo fa deve rispondere a qualunque livello». Il candidato sindaco ci tiene però a distinguere tra i murales dal valore artistico e le tag, le firme di vandali (...)
SEGUE A PAGINA 51