Il degrado della città finisce sul blog

Non è l’ultimo spot elettorale, ma una vera rassegna sul degrado di Roma, protagonisti i cittadini. In prima fila è il blog www.degradodiroma.wordpress.com con immagini che valgono più di mille parole. In una foto la vetrata allestita su un semplice passaggio pedonale di Las Vegas, resa luccicante dal meticoloso lavoro di due operai. «Non è un passaggio privato, ma pubblico - sottolinea Laura - Voi avete mai visto qualche cosa di lontanamente simile a questo gesto di pulizia, nella nostra città? Io no... mai!». Roma al contrario è sepolta dalla vernice spray dei graffitari. E fa a pugni con la prima la seconda foto, che mostra via di Santa Bibiana, nei pressi di Porta Maggiore, coperta di graffiti, «senza che le autorità si degnino di rimuoverli». Sul blog un lettore segnala l’ultima trovata dei vandali: usare le candele per auto per rigare le fiancate delle auto: «Questa ondata di atti vandalici e di barbarie va avanti da tanto - scrive un lettore - senza che il Comune affronti il problema. Negozianti e condomini devono provvedere da sé pagando conti salatissimi per ripulire le facciate di palazzi e serrande dei negozi».
Ecco Porta Pia, il quartiere dove abita Walter Veltroni. E altre foto eloquenti. Marciapiedi sconnessi, panchine divelte, cestini sfondati, transenne abbandonate. «Forse quando il nostro ex sindaco transitava di lì era sempre notte fonda, o i vetri dell’auto sulla quale viaggiava erano del tipo oscurato», ironizza un lettore, Stefano. Il blog ospita anche il testo di una petizione: «Al Comune di Roma, la situazione delle strade della città è da day after: tombini sopraelevati, buche profonde, radici in superficie, riparazioni provvisorie che diventano trampolini per moto e motorini, lavori eseguiti male che tanto il Comune paga lo stesso. Sono mesi che la puzza della discarica di Malagrotta arriva fino in Prati. I firmatari di questa petizione sono stanchi e non vogliono più pagare per il Festival del Cinema, ma per le condizioni minime accettabili che una città come Roma deve avere». A ricordare il tragico incidente di Fiumicino, www.degradodiroma.wordpress.com pubblica le foto delle fermate dell’autobus a via della Magliana, via della Pisana, via Portuense nei pressi di Ponte Galeria. Tutte vie ad altissimo scorrimento, con le auto che sfrecciano veloci, mentre gli utenti attendono il bus sul ciglio della strada, senza marciapiedi e senza segnaletica orizzontale. Di «arte contemporanea» in centro parla invece il blog www.degradoroma.giovani.it, che pubblica la foto di un’auto semicarbonizzata nei pressi di largo Arenula. «Quando l’abbiamo vista pensavamo fosse un’auto bruciata - si legge sul sito - Invece ci sbagliavamo. Trattasi di opera d’arte contemporanea. Non si spiegherebbe altrimenti il motivo per cui, a una settimana dal primo avvistamento, quel relitto sia ancora lì».