Il degrado di via Venti in venti scatti

Paola Setti

«What happens if a cop comes here? Nothing!». Michael parla solo inglese. Sta seduto per terra con un cartello in italiano che dice «Prendete quello che volete, lasciate quello che potete». Vende oggetti in carta e sgrana tanto d’occhi se gli parli di vigili e licenze. Spiega che «i vigili a volte passano dritti, altre mi dicono di andarmene ma poi vanno via». E in via Venti Settembre è guerra. Perché i commercianti hanno esaurito la pietà. «Il lato umano? Sì, certo. Ma non può essere a carico nostro. La verità è che c’è una volontà politica di abbandonare e lasciare al degrado la via principale della città». Michael è in una tristissima, ottima compagnia. C’è un francese che chiede (...)