Dei diritti e delle pene, ovvero come riprendersi la libertà

Di San Nicola, vescovo vissuto nel IV secolo a Myra, in Licia, sappiamo soltanto qualche pressappoco. Anzi, quasi niente. Eppure è un hyperagios, un «supersanto» che calpesta ogni divisione fra cattolici, protestanti e ortodossi. Con code di devozione nel mondo islamico. San Nicola di Bari (come è noto in Italia) ha sopportato l’innesto dei dati biografici di un omonimo monaco, l’invasione dei selgiuchidi, la contesa delle sue spoglie fra marinai pugliesi e veneziani. Financo la grottesca trasformazione - via folklore centroeuropeo - nel Santa Claus natalizio. Questa vertigine bimillenaria di sovrapposizioni e malintesi è ricostruita da Michele Bacci in San Nicola (Laterza, pagg. 246, euro 19). Una lunga storia che non ha incrinato un culto global ante litteram.