«Le deiezioni canine sono messaggi politici?

A proposito di deiezioni animali sappiamo tutti che dipende dalla maleducazione, anche dei cosiddetti «bene educati». Però non avrei mai immaginato di incontrare in via De Gasperi, precisamente al centro del marciapiede venendo dal mare e dopo il «Dì per dì», che qualcuno avesse così tanta fantasia da «posare», una grossa deiezione umana con conficcato al centro un bel fiore di geranio. È un messaggio? Ma a chi destinato? Non penso che sia per Burlando che abita poco lontano o per Pericu che frequenta la farmacia di via De Gasperi. Allo sconosciuto messaggero si può dire: «La botte dà...» ecc. ecc.