Delfino Su Facebook un fan club per il killer

Il giudice monocratico Paolo Luppi, del tribunale di Ventimiglia, ha confermato, ieri mattina, in appello, la condanna di Luca Delfino al pagamento di 85 euro per le minacce rivolte a Rosa Tripodi, madre di Antonella, l’ex fidanzata da lui uccisa con decine di coltellate l’8 agosto 2007, in via Volta, a Sanremo. La condanna di primo grado era stata inflitta il 5 dicembre 2007 dal giudice di pace. La vicenda riguardava, in particolare, la frase «Ve la farò pagare», che Delfino aveva rivolto al citofono alla madre di Antonella che la vigilia di Natale del 2006, si era rifiutata di farlo salire in casa. Delfino è stato condannato in via definitiva a 16 anni e otto mesi per l’omicidio di Antonella Multari. Inoltre, per lui è stato chiesto il rinvio a giudizio per l’uccisione di un’altra ex fidanzata, Luciana Biggi. Intanto spunta sul social network Facebook un fan club dedicato a lui . Al momento ne fanno parte 23 membri. Il gruppo si intitola semplicemente «Luca Delfino», ma accanto al nome c’è un bottoncino con su scritto «diventa fan». Sempre su Facebook, sono attivi anche altri gruppi contrari all’omicida: tra questi «Tortura a vita per Luca Delfino» o «Spacchiamo la spina dorsale a Luca Delfino».