Delitto di Garlasco Giallo sul testimone che scagiona Stasi e poi ritratta tutto

MilanoNella vicenda di Garlasco fa irruzione un supertestimone. È il testimone che scagionerebbe Alberto Stasi, è l’unico che dice di avere visto il vero assassino. Ma, incomprensibilmente, un’ora e mezzo dopo avere messo a verbale la descrizione di un uomo visto uscire dalla villetta di Chiara Poggi, il testimone ritratta. «Mi sono inventato tutto», dice. Ma giorni dopo, intercettato mentre parla con i propri familiari, sembra dire di nuovo che è tutto vero. «Ho dovuto parlare per togliermi un peso». È un bandolo sottile ma significativo, quello lanciato ieri dall’agenzia Agi sulla scena del delitto, a pochi giorni dall’inizio dell’udienza preliminare a carico dell’unico indagato Alberto Stasi. L’agenzia riferisce dell’esistenza di un interrogatorio davanti ai carabinieri di Vigevano nel settembre 2007, un mese dopo il delitto. Ai carabinieri il testimone - si tratterebbe di un abitante di Garlasco di origine siciliana che vive da tempo nella zona - racconterebbe di avere visto tra le 9 e le 9,30 del 13 agosto un uomo uscire dalla casa dei Poggi e allontanarsi in sella a una bicicletta. La descrizione dell’uomo è vaga, ma il testimone esclude che potesse trattarsi di Alberto Stasi. Più precisa la descrizione della bicicletta: una bici scura da donna, uguale a quella che una vicina di casa dice di avere visto posteggiata davanti alla villetta. Stasi, come è noto, possiede una bici da uomo.
Perché l’uomo decida di ritrattare non si sa. Ma la telefonata successiva sembra dire che non si è inventato niente. E che forse aveva ragione Alberto Stasi, quando protestava con gli amici perché i carabinieri avevano scavato solo su di lui.