Delmi, l’intesa con Aem diventa patto di sindacato

da Milano

Il patto parasociale di Delmi, la holding che controllerà Edison insieme a Edf, è cosa fatta. Accanto alla controllante Aem, hanno siglato il patto e l’accordo di investimento Sel (Società elettrica altoatesina), Dolomiti Energia, Mediobanca, Banca Popolare Milano e Fondazione Cassa di Risparmio Torino. Aem, Delmi ed Edf hanno concluso già nel maggio scorso accordi per l’acquisto del controllo congiunto di Edison tramite una società denominata Transalpina di Energia (Tde) partecipata pariteticamente da Delmi e da Edf.
Tde lancerà l’Opa sul flottante di Edison in autunno non appena avrà ottenuto il via libera all’operazione dall’Antitrust europeo. Secondo fonti vicine al dossier, la notifica alla Commissione europea è già avvenuta, preceduta da tre pre-notifiche informali, utili per completare le informazioni.
In seguito all’intesa, Aem avrà una quota del 60%, Sel, Dolomiti Energia e Mediobanca il 10% ciascuno, Popolare Milano il 5%, così come Fondazione Crt.
Nelle prossime settimane, si legge in una nota diffusa dalla società elettrica, si prevede che possano entrare a far parte della compagine sociale di Delmi anche altri operatori industriali, tra cui Enìa, che dovrebbe acquisire il 15%. Il via libera dovrebbe arrivare subito dopo l’incontro fra i tre sindaci dei comuni proprietari della multiutility, Reggio Emilia, Parma e Piacenza, previsto per i prossimi giorni. Con l’ingresso di Enìa Aem dovrebbe scendere al 51% del capitale di Delmi, Sel e Dolomiti resteranno con il 10%, mentre il restante 14% sarà suddiviso fra Mediobanca, Pop Milano e Fondazione Crt.
L’accordo, di durata triennale, prevede una serie di obblighi di capitalizzazione di Delmi in vista dell’acquisto del controllo congiunto di Edison con Edf, oltre a pattuizioni relative alla corporate governance di Delmi, Transalpina e Edison.
In particolare, Dolomiti Energia e Società Elettrica Altoatesina, attraverso l’investimento in Delmi, mirano a realizzare progetti industriali che prevedano la loro partecipazione diretta nella proprietà degli asset idroelettrici di Edison nei territori delle province di Trento e Bolzano. In merito a questi progetti, Aem ha sottoscritto separati contratti di opzione put con Dolomiti Energia e Società Elettrica Altoatesina riguardanti una parte delle azioni Delmi detenute dalle due società. In taluni casi Aem beneficerà di un corrispondente diritto di call.
Il prezzo di esercizio di tali opzioni, che potranno avere esecuzione a varie riprese fra il settembre 2007 e il primo semestre 2012, potrà tenere conto dell’investimento iniziale o del valore delle azioni di Edison al momento dell’esercizio delle opzioni.
A Piazza Affari il titolo Aem ha beneficiato dell’annuncio dell’accordo, guadagnando l’1,26% a 1,692 euro. Stabile la quotazione di Edison (più 0,05% a 1,836).