Delude Moscato che imita Cocteau

Prima nota dolente:dove va Enzo Moscato? Definito da molti il «Pasolini na poletano» per la carica eversiva e dolente dei suoi precedenti spettacoli, oggi in Co'Stell'Azioni, l'attore-autore non ha trovato di meglio che rifarsi in trenta minuti scarsi a Cocteau. Declamando brandelli arcaicizzanti del Maestro accanto a parole in libertà con l'aiuto di un testo da cui estrapola un brogliaccio-pasticcio inutile e pretenzioso. Perdipiù guastato da una ridicola pronuncia francese quando maldestramente canticchia Le fo- glie morte (che, tra parentesi, non è certo di Cocteau). Delusione anche per Le cose sottili nell'aria dell’ignoto Sgorbani doveLucia Ragni e Antonino Iuorio rifanno il verso al Porcile di Pasolini.