Delvecchio alla Samp: «A Firenze andiamo a scrivere la storia»

Prendere o lasciare, la Champions League è lì. Novanta minuti per scrivere la pagina più bella della stagione. E poco importa se di fronte ci sarà una Fiorentina che vuole lo stesso traguardo. É la Partita, quella che racconterai sempre anche tra dieci anni: «Vogliamo sognare la Champions? A Firenze (arbitrerà Rosetti, ndr) abbiamo l'ultima, grande occasione. Si va in Toscana per vincere». Parole, musica e coreografia, vista la sua passione per il ballo, di Gennaro Delvecchio.
Sarà una formazione al completo, a parte Castellazzi e Campagnaro. A centrocampo, ci sarà possibilità di scegliere (ieri Maggio si è fermato ma le sue condizioni non destano preoccupazioni) e proprio Delvecchio dovrebbe essere preferito a Sammarco. Ed è il centrocampista pugliese ad indicare la strada giusta. Sarà una Samp che ritroverà in trasferta anche Cassano e Bellucci, e dovrà essere in grado di ripetere le imprese effettuate in trasferta con Milan e Parma quando i blucerchiati stupirono tutti. «Il calcio è così, forza fisica, decisione, sacrificio da parte di tutti - ricorda-: per questo dico che se domenica anche due giocatori di classe e talento come Antonio e Claudio saranno bravi a mettersi a disposizione della squadra potremo mettere in difficoltà anche la Fiorentina. Siamo in ballo per qualcosa che nessuno si aspettava, se vogliamo ballare fino in fondo bisogna essere pronti a tutto: ci giochiamo la storia».
Balla che l'Europa extra lusso è lì, vicina come nessuno avrebbe mai immaginato. E se dovesse segnare contro i viola? «Ma se serve per vincere che segni e balli pure Mirante - scherza -, non ci sono davvero problemi».
Intanto, ritorna in panchina Attilio Lombardo dopo l'esperienza al Chiasso: è il nuovo allenatore del Castelnuovo Garfagnana, club impegnato nel girone B della C2.
Ieri l’assemblea degli azionisti ha approvato il bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2007 che presenta una perdita di 3,3 milioni. Il patrimonio netto è di 15,1 milioni contro i 16,4 milioni dell’esercizio precedente. Il valore dei «diritti prestazioni calciatori» è pari a 28,8 milioni, mentre la posizione finanziaria netta è in sostanziale equilibrio.