La demagogia blocca lo sviluppo di Santa

Grande rammarico per la sentenza del Tar che, di fatto, ha detto stop al progetto di sistemazione dell’area portuale a Santa Margherita: è quanto esprime l’Associazione «Borgo di mare» in una nota in cui, fra l’altro, si sottolinea come la nautica «sia uno dei settori trainanti dello sviluppo economico cittadino e il progetto del nuovo scalo, come era stato concepito sin dal 1999, concentri su di sé il giusto valore della tutela ambientale e il rilancio di un comparto che a livello nazionale conosce ormai un boom consolidato, nonché l’esigenza stringente della messa in sicurezza dell’approdo». A giudizio dell’associazione, i promotori del ricorso al tribunale amministrativo regionale «festeggiano per il risultato raggiunto», ma non è sicuro che la città faccia altrettanto. «L’amministrazione comunale - conclude la nota - non ha il minimo orizzonte strategico sul settore nautico. Il destino del porto è cosa troppo importante per la città per essere consegnato ai dilettanti del consenso facile e della demagogia ambientalista».