Il democratico perde il suo tesoretto

Un tesoretto formato, tra le altre cose, anche da 27 quadri, 48 orologi, 17 penne stilografiche e parecchio denaro contante. È quanto ha sequestrato ieri a Salerno la guardia di finanza nel corso delle perquisizioni domiciliari seguite agli arresti dei tre fratelli Villani: Angelo, Elisa e Giovannina. Angelo Villani, 54 anni, è attualmente consigliere provinciale a Salerno del gruppo misto, nel quale è confluito a febbraio dopo aver lasciato il Pd. Nel 2004, fino alla tornata elettorale della scorsa primavera, è stato presidente del centrosinistra della Provincia di Salerno. Villani è ora agli arresti domiciliari assieme alle sorelle con l’accusa di «bancarotta fraudolenta aggravata dalla rilevante entità del danno patrimoniale» (tre milioni di euro) a seguito del fallimento, nel 2009, dell’azienda di famiglia, il gruppo Alvi Spa.