«La democrazia è l’arma per far fronte a minacce»

«Dopo quattro anni rimane ancora molto da fare, ma il mondo libero è unito contro il terrorismo, facendo leva sulla sua arma più forte: la democrazia». Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in una dichiarazione sull’anniversario dell'attacco terroristico a New York dell'11 settembre 2001. «L'Italia - ha dichiarato - si levò immediatamente accanto all'amico popolo americano per fare fronte a questa nuova minaccia globale che non ha ideali né bandiere, ma che tende soltanto a sconvolgere e sovvertire il nostro modo di vivere, i nostri valori e i nostri principi». «Agli amici americani, che hanno sacrificato tante giovani vite per difendere gli ideali comuni e salvare le nostre nazioni dai totalitarismi e dai fanatismi che incombevano e incombono sulle nostre esistenze - ha concluso Berlusconi - va il nostro grato ricordo e l'impegno a continuare insieme sulla strada dei comuni ideali di libertà e di democrazia».