Demolita la villa abusiva dei rom

«Per la prima volta a Milano le ruspe hanno abbattuto una casa abusiva», ricordano Riccardo De Corato e Gianni Verga, vicesindaco e assessore comunale al Territorio. È successo ieri mattina in via Cusago, periferia sud ovest della città, oltre Baggio. Non sono mancati momenti di tensione, però. I rom si sono asserragliati dentro l’abitazione in costruzione (i lavori sono iniziati nell’agosto del 2004). I poliziotti hanno cercato per due ore di convincerli ad uscire, ma alla fine è scattato il blitz. Sono volati colpi di manganello e spintoni. Una donna è rimasta contusa, un agente ha rimediato un graffio al volto. Una ragazza rom incinta è stata medicata su un’ambulanza.
Alla fine, però, gli abitanti si sono arresi e la ruspa ha raso al suolo l’abitazione, una delle tante (sono una ventina) costruite senza permessi in questa zona di Milano. «Abbiamo dato un segnale forte, servirà ad evitare che si ripetano illegalità come questa», spiega De Corato.