Dennis Quaid superpapà ma con pochissima ironia

Melville Shavelson era un discreto sceneggiatore e un regista inetto. Il suo Appuntamento sotto il letto (1967) era una commedia deludente con due protagonisti spaiati: Lucille Ball, un’attrice comica ed Henry Fonda, tetragono a ogni sottigliezza umoristica. Un remake era remoto ma ora si avvera. Dennis Quaid e Rene Russo sono più attendibili dei predecessori, ma la vicenda è irritante, ipocrita e insulsa. Un vedovo, ammiraglio della marina costiera, ha 8 figli e una stilista di bell’aspetto ne ha addirittura 10, ma sei sono adottivi. Che i due si innamorino e mettano assieme le rispettive tribù è quanto paventa la sceneggiatura. Attraverso una comicità prevedibile, un buonismo da vergognarsi e personaggi privi di logica si consuma questa inutile commedia che non fa mai ridere, che irrita per l’illogicità delle situazioni e perché mostra la bulimia della società americana, dedita allo spreco, indifferente ai reali problemi. Nel film si distrugge, si litiga e le reazioni dei due genitori sono di un incredibile lassismo. Il povero Quaid, non sappiamo cosa ricaverà da questa pellicoletta.
I TUOI, I MIEI E I NOSTRI (Usa - 2005) di Raja Gosnell, con Dennis Quaid, Rene Russo. 90 minuti