Dennis raffredda il greggio

Seduta all’insegna dei realizzi per le quotazioni del petrolio. Il passaggio dell’uragano Dennis sul golfo del Messico non ha provocato danni alle infrastruture petrolifere e così i fondi di investimento hanno preferito monetizzare i recenti profitti. Il future del Wti ha ripiegato nell’area dei 58 dollari. Stabile il rame, bloccato a quota 3.370 dollari per tonnellata metrica ma, con le scorte ai minimi trentennali, non si eslcude un nuova fiammata rialzista verso il record storico posto a 3.435 dollari. Oro fermo a 424,20 dollari l’oncia.