Denuncia Fao: 852 milioni i morti per fame nel 2007

Il dato-shock annunciato da David Harcharik, vicedirettore della Fao: 815 vivono nei Paesi in via di sviluppo. La situazione peggiora di anno in anno. Le ragioni sono molteplici, tra queste c'è il cambiamento del clima

Roma - Nel 2007 nel mondo 852 milioni di persone "sono rimaste vittime della fame: 815 vivono nei Paesi in via di sviluppo. Questa cifra sta aumentando e la situazione peggiora di anno in anno. Le ragioni sono tante e complesse e i cambiamenti del clima è una di queste". È il dato-shock annunciato da David Harcharik, vicedirettore della Fao, per aprire la Conferenza nazionale sui mutamenti climatici a Roma. "I cambiamenti climatici nel pianeta - ha detto Harcharik - sono una realtà, studi fatti parlano di alluvioni più frequenti, aumento della siccità, innalzamento dei mari e rialzo della temperatura: dobbiamo da ora riuscire ad adattarci a questa realtà". Secondo il vicedirettore della Fao, infine, "alla luce di questi cambiamenti occorre cambiare, ad esempio, le pratiche agricole, per poter assicurare cibo a tutti".