Denuncia il marito, lui l’accoltella

Colpita più volte la vittima è in fin di vita

Tragedia annunciata, ieri, a San Giuliano Milanese. Sono le 14 quando dal sesto piano di palazzo-casermone in via De Nicola 5/d, arrivano urla disperate: Mauro Mastropasqua accoltella riducendo in fin di vita la moglie Vincenza R., davanti alla più piccola delle loro tre figlie e ora ricoverata all’Humanitas di Rozzano.
Da tempo la coppia pugliese, entrambi di 29 anni, lui impegnato in lavori saltuari, commessa lei, in Lombardia da ottobre, non andava più d’accordo e il 28 marzo la donna aveva denunciato il marito per maltrattamenti. E la loro figlia di 10 anni, le altre hanno 4 e 9 anni, spesso arrivava a scuola tra le lacrime. Ieri l'epilogo. I due sono in cucina. Discutono di nuovo, probabilmente perché lei chiede con insistenza la separazione. I vicini sentono le urla della donna, aggredita davanti alla bambina più piccola e letteralmente massacrata dalle pugnalate: i sanitari più tardi non riusciranno nemmeno a contarle. Ma sarà proprio il mancato killer a chiamare il 118: «Venite, ho accoltellato mia moglie».
Al loro arrivo, i medici verificano che la donna è stata colpita con un coltellaccio da carne a petto, schiena, braccia, classica ferite da difesa, e tra il collo e la spalla con grande violenza.