Denuncia gli sfruttatori, dodici in cella

È stata la denuncia di una ragazza uruguayana, costretta a prostituirsi in strada, a dare l’impulso decisivo alle indagini della sezione criminalità straniera della squadra mobile che hanno portato in carcere 12 persone. La giovane, portata in Italia con la promessa di un lavoro come cameriera, lo scorso ottobre si è ribellata all’organizzazione che sfruttava una ventina di sudamericane, facendole prostituire in zona Lambrate per investire i proventi nel traffico internazionale di sostanze stupefacenti.