Il derby dei lettori «Funerale», atto dovuto

Commento doveroso per l'ultima di campionato. Il Genoa finisce in bellezza in tutti i sensi. Vince e bene l'ultima partita con un Floro Flores scatenato e motivato, osannato dal pubblico allo stadio, festeggia alla grande e viene festeggiato da tifosi irrefrenabili che hanno preparato uno spettacolo stupendo, emozionante e tipicamente rossoblù sia allo stadio che nelle strade nel dopo partita.
Il tutto per esultare di una squadra che ha disputato un buon campionato periodi negativi come quelli relativi al cambio dell'allenatore e alla marea di infortuni. I tifosi genoani hanno festeggiato il loro Genoa anche con il tipico rito del «funerale» che si svolge quando la squadra avversaria della stessa città viene retrocessa di serie, come nel caso specifico della Sampdoria. Scene «macabre», ma atti dovuti.
Il gran finale può essere dedicato non solo al patron Enrico Preziosi ma anche all'allenatore Davide Ballardini che con la sua personalità introversa, ma soprattutto con la sua professionalità è riuscito a portare soddisfazioni al Genoa. Un gran finale che vede vincere il Genoa con il Cesena, proprio quel Cesena che è stato per Ballardini una vera e propria scuola. Gioie e tristezze. Emozioni ma non «lacrime», come espresso dallo stesso Ballardini che, chiudendo in bellezza, mestamente come lui sa fare, si ritira dalla nostra squadra come deciso da Preziosi. Noi gli auguriamo ogni bene e soprattutto lo ringraziamo per quello che è riuscito a darci finora. Grazie Genoa.