Il dermatologo: soluzione utile anche se non definitiva

Di Pietro: «Benissimo le alternative alla chirurgia, ma sono trattamenti blandi»

da Milano

«Da dermatologo, dico che i massaggi vanno benissimo come alternativa al lifting». Il professor Antonino Di Pietro, specialista di dermatologia e venereologia e autore del libro La bellezza autentica, un testo in cui spiega cosa fare e cosa non fare per mantenersi giovani, applaude le soluzioni che per combattere le rughe bypassano la chirurgia estetica. «Il bisturi taglia, tira e riduce creando una bellezza innaturale, mentre un massaggio al viso è utile a riattivare la circolazione sanguigna e linfatica». Ma il professore ci tiene a puntualizzare: «Inutile illudersi che un massaggio sia una soluzione definitiva ai problemi dell’invecchiamento (non lo è nemmeno il lifting chirurgico). Davanti all’esigenza di ripristinare il proprio aspetto fisico c’è il metodo drastico, quello del bisturi, e al lato opposto, quello soft, dei massaggi. Ma c’è anche una via di mezzo, che è la dermatologia plastica». Una scienza inventata in Italia che vanta estimatori in tutto il mondo riuniti nell’associazione Isplad. Attraverso una serie di mini-operazioni, senza anestesia e indolore, si interviene sul’elasticità della pelle con una serie di terapie che riportano a velocità «normale» il ricambio delle cellule. Se infatti a vent’anni le cellule cutanee muoiono e si riformano ogni quattro settimane, avanzando negli anni questo orologio si inceppa e la pelle assume un’aspetto irregolare e perde di elasticità. «La dermatologia estetica - spiega il professor Di Pietro - si serve di tre tipi di terapie. Nella prima, il picotage, si applicano delle iniezioni di enzimi e ialuronio a un millimetro di profondità con aghi sottilisimi. Poi il filler, che sempre con delle iniezioni riempie le rughe eliminando la piega. Infine il peeling, che consiste nell’applicazione di un gel che elimina le cellule morte». Una via di mezzo anche nel prezzo: un intervento di dermatologia plastica costa 400-600 euro e va ripetuto ogni sei mesi.\