Deroghe, ecco chi avrà il via libera

Veicoli e lavoratori: tutte le categorie che viaggeranno indisturbate nonostante i divieti. Dai medici a chi deve fare terapie a chi ha turni non coperti da mezzi pubblci

La cappa di poveri sottili continua a tenere sotto scacco Milano. Anche mercoledì le centraline Arpa hanno registrato valori stellari: in via Pascal si è registrato il valore peggiore dell’anno 80 microgrammi per metro cubo. Con i livelli raggiunti due giorni fa siamo al 13esimo giorno consecutivo di superamento della soglia di legge (50 microgrammi per metro cubo) e al 90esimo dall’inizio dell’anno. Secondo gli esperti la situazione di questi giorni, in presenza di temperature ancora elevate, è anche peggiore di quella invernale: alle polveri infatti si sommano livelli critici di ossidi d’azoto, e concentrazioni elevate, anche se nella norma, di ozono, che invece è assente nei mesi invernali.
Ieri quindi sono scattate le «misure straordinarie di contenimento dell’inquinamento atmosferico»: in garage 150mila mezzi tra veicoli benzina Euro 0, diesel Euro 0, Euro 1 e Euro 2 non dotati di filtro antiparticolato in grado di garantire un valore di emissioni pari almeno la limite standard Euro 3, ciclomotori e moto due tempi Euro 1 e, se a gasolio Euro ed Euro 1. Possono quindi circolare i veicoli benzina Euro 3 e seguenti, diesel Euro 3 e successivi, moto e motorini con motore 4 tempi, tutti i veicoli elettrici, a metano o gpl. Autorizzati i veicoli delle forze dell’ordine, 118, vigili del fuoco, vigili, protezione civile, corpo Diplomatico e Consolare, servizio postale, scuolabus e mezzi pubblici. Veicoli con contrassegno per portatori di handicap, mezzi in servizio per manutenzione di emergenza con contrassegno o certificazione del datore di lavoro, ambulanti dei mercati e degli operatori dei mercati all’ingrosso (limitatamente al percorso casa-lavoro). Così i blindati per il trasporto valori, medici e veterinari in visita urgente muniti di contrassegno, operatori sanitari in servizio muniti di certificazione del datore di lavoro, veicoli per il trasporto di persone sottoposte a terapie, lavoratori con turni tali da impedire l’utilizzo dei mezzi pubblici e con certificazione del datore di lavoro, veicoli con almeno tre persone a bordo Car Pooling.
È consentita la circolazione su tratti autostradali, svincoli di accesso e di uscita, strade statali e provinciali, svincoli autostradali e tratti stradali di collegamento tra il confine comunale e i parcheggi di corrispondenza (Cascina Gobba, Forlanini, San Donato 1 e 2, Bisceglie, Lampugnano, Molino Dorino, San Leonardo, Famagosta), tratto di via Ripamonti tra il Comune di Opera e via Gagini (capolinea tram 24), tratto stradale tra le Cascine Guascona e Guasconcina e via Jemolo (capolinea autobus 63).
Domenica invece tutti piedi dalle 8 alle 18. Circolano liberamente veicoli ibridi o elettrici, a metano, gpl, idrogeno, car sharing. Così sono autorizzate tutte le categorie esentate per il blocco partito ieri, e i professionisti che svolgono servizi inderogabili o essenziali. Atm potenzierà le corse dei mezzi di superficie e metrò, «così ci stiamo attrezzando anche per un eventuale potenziamento infrasettimanale» ha spiegato il dg di Atm Elio Catania. Palazzo Marino sta valutando di organizzare attività ed eventi per animare la città.
Le limitazioni alla circolazione saranno mantenute fino a quando non saranno certificati dall’Arpa tre giorni consecutivi di livelli delle polveri sotto il limite consentito.