Derubata in strada da due ladri cileni

La delinquenza sudamericana che da qualche tempo imperversa nell’area genovese, sembra che si sia specializzata nel prendere di mira le persone anziane. Ne sa qualcosa una signora di Pontedecimo che ieri ha vissuto una brutta avventura mentre stava facendo una semplice operazione di prelievo in banca. Fortunatamente la celerità dei carabinieri ha portato all’identificazione, e all’arresto, dei due extracomunitari che l’avevano derubata.
L’episodio è avvenuto in mattinata. La donna, quando si è avvicinata alla cassa per ritirare duemila euro, non si è accorta che qualcuno la stava osservando. La banda di sudamericani, infatti, aveva mandato uno dei suoi uomini nell’istituto di credito a fare la coda in modo da osservare da vicino le operazioni dei clienti. Una volta individuata la vittima, e accertata la quantità di denaro che stava ritirando, è scattato l’approccio e il furto.
A fare il colpo sono stati due cileni, Eduardo Perez Ramirez, di 48 anni, e Evelyn Hernandez Reyes, di 29 anni. La tecnica usata è sempre la stessa. Uno dei due sudamericani si avvicina alla donna e ad un certo punto fa finta di inciampare, cadendole addosso. Ovviamente la vittima non se l’aspetta, per cui in quel frangente, finendo per terra, rimane disorientata. Ed è su questo che puntano i malviventi. Infatti quello che urta la donna, con gesti quanto mai veloci, le ruba i soldi. Poi si rialza, si scusa e si allontana con il bottino. Quando la vittima si rende conto di essere stata derubata, ormai è troppo tardi e il denaro è sparito.
Ma i carabinieri di Campomorone, una volta appreso quanto era accaduto, si sono messi al lavoro e, visionando i filmati registrati dalle telecamere della banca, si sono accorti del delinquente sudamericano. E lo hanno trovato a bordo di un’auto a noleggio insieme ad altri due connazionali.
Riconosciuti, Ramirez e Reyes sono stati fermati. Il primo è stato anche arrestato perché non ha ottemperato a un ordine di espulsione. Il secondo è stato invece denunciato.