Derubati: in cella per droga

Da vittime di un furto nella propria abitazione, e quindi parte lesa, a imputati per spaccio di sostanze stupefacenti. E quindi arrestati e associati alle patrie galere. È quanto è accaduto ieri in seguito alle indagini che sono state fatte per identificare gli autori di un furto in appartamento.
Ma partiamo dall’inizio. Tutto comincia in seguito alla denuncia per un furto in appartamento a opera di due zingare. I carabinieri non solo risalgono alle due nomadi, ma le bloccano e recuperano l’intera refurtiva. Si può dunque ben capire la loro sorpresa quando tra le cose rubate i carabinieri trovano anche 150 grammi di hashish. E così due diciassettenni finiscono in manette. È accaduto l’altra sera a Bogliasco, il piccolo borgo marinaro a levante di Nervi.
I carabinieri della stazione di Sori e della compagnia di Santa Margherita Ligure hanno arrestato una nomade di 17 anni per furto aggravato, e due ragazzini coetanei, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di farne spaccio. Inoltre, la complice della ladruncola, una giovane straniera di appena 11 anni, è stata accompagnata presso un centro di prima accoglienza, mentre un terzo ragazzo di 24 anni, residente in corso de Stefanis, a Genova, è stato arrestato perchè trovato in possesso di altri 25 grammi di hashish.
Per finire, un quarto giovane, maggiorenne, è stato denunciato a piede libero in quanto scoperto con una piccola dose di droga.
L’indagine dei carabinieri è scattata alle 20 dell’altra sera, in seguito alla segnalazione di un cittadino di Bogliasco riguardo alla presenza sospetta di due giovani nomadi in una strada del paese.
I militari sono riusciti a rintracciare le straniere e le hanno bloccate, sequestrando loro il bottino frutto del colpo messo a segno pochi minuti prima in un appartamento di via Cavour.
Nel malloppo, oltre a telefonini e denaro contante, c’era anche un etto e mezzo di hashish. Gli investigatori si sono quindi messi sulle tracce degli occupanti dell’alloggio svaligiato e al termine di una notte di lavoro sono risaliti ai due diciassettenni e al terzo maggiorenne, oltre al «complice» abitante a Genova.
I giovani non hanno saputo giustificare la detenzione della droga. Complessivamente nel corso dell’operazione sono stati sequestrati in tutto più 245 grammi di hashish.