Deschamps: troppi errori per essere vero

da Mantova

«Effettivamente non capita tutti i giorni di fare tre gol. Ma se penso che li ho fatti alla Juve, che in porta c’era il portiere campione del mondo e che sono anche stati tutti e tre belli, mi viene da dire che una giornata così non mi capita più». Sono queste le emozioni che si agitano nel giocatore che ha affondato la Juventus e nello spogliatoio di Mantova è lui il primo a non crederci: «Sono un centrocampista, oggi dovevo dare profondità, è andata bene... Il gol più bello? Il terzo, perchè è stato premeditato: avevo notato che Buffon aveva la tendenza a stare molto alto. Così ho pensato: se capita la palla giusta, quasi quasi ci provo».
La sintesi della terribile batosta è di Alex Del Piero: «Blackout è la parola perfetta». L’analisi invece è del tecnico: «Troppe cose negative per essere la vera Juve».
Didier Deschamps stavolta alza le braccia e ammette: «Complimenti al Brescia, ma c’erano troppi giocatori in difficoltà. Cosa c’è mancato? Tante di quelle cose...» Il ko con il Brescia a Mantova lascerà strascichi in casa bianconera: «È iniziata male ed è finita male - ha detto Deschamps -. Troppi errori, eravamo sempre a reagire, in ritardo. La voglia c’era, ma testa e gambe no». Quando chiedono al tecnico juventino come sarà il cammino verso la serie A, il francese precisa: «La serie A non ce l’abbiamo ancora in tasca. Finora abbiamo consumato tante energie. Nonostante i -9 siamo sempre in testa, siamo quelli che hanno fatto più punti. Spesso qualcuno si è illuso che avremmo stravinto sempre tutte le partite, ma anche noi abbiamo delle difficoltà». «Certo, 3 gol bellissimi, 3 prodezze: ma la giornata ci riconcilia con i nostri tifosi, perchè il Brescia ha fatto benissimo». Così Serse Cosmi. «La Juve è forte, e abbiamo sempre battuto una grande Juve - ribatte l'allenatore del Brescia -. Se la Juve ha perso, lo si deve al Brescia».