Dessel il sordo si prende tutta la gloria I «grandi» rimandano ancora l’attacco

Le battute si sprecano: «È un buon corridore Cyril Dessel. Non sente la fatica: è un po’ sordo».
Non avrà un buon udito, ma da ieri sente e prova «ciò che in 32 anni non ho mai provato», dice questo francese che ha penato non poco per strappare un contratto da professionista, e che tre anni fa fu ingaggiato dalla Phonak (azienda produttrice di apparecchi acustici, ndr), «non per le mie doti di corridore, ma perché ero per loro il testimonial ideale in Francia».
In un Tour dei senza nome e di carneadi un po’ sordi in maglia gialla, basta una fuga bidone per far saltare il banco: prima in compagnia di altri dieci temerari e poi solo con lo spagnolo Juan Manuel Mercado, al quale è finita la tappa.
Il gruppo sonnecchia e arriva a 7’25”. Nessuno dei big, o presunti tali, attacca. Verdetti rimandati a oggi, con l’altra tappa pirenaica: i corridori dovranno scalare Tourmalet, Aspin, Peyresourde e Portillon prima dell’arrivo in quota a Pla-de-Beret.
Per quanto riguarda gli italiani, bravo Cristian Moreni, quarto sul traguardo di Pau a poco più di due minuti dal vincitore. Savoldelli, che lamenta una fastidiosa bronchite, assicura: «Domani, a Pla-de-Beret, si vedrà chi è più forte».

Ordine d’arrivo
1. Mercado (Spa) 4h49’10” media 39,527 km/h; 2. Dessel (Fra) st; 3. Landaluze (Spa) a 56”; 4. Moreni (Ita) a 2’24”; 5. Rinero (Fra) a 2’25”; 6. Isasi (Spa) a 5’03”; 7. Vasseur (Fra) a 5’35”; 8. Bennati (Ita) a 7’23”; 9. Zabel (Ger) a 7’23”; 10. Garzelli (Ita) a 7’23”.
Classifica generale
1. Dessel (Fra) 43h07’05” media 42,916 km/h; 2. Mercado (Spa) a 2’34”; 3. Gonchar (Ucr) a 3’45”; 4. Moreni (Ita) a 3’51”; 5. Landis (Usa) a 4’45”; 15. Savoldelli (Ita) a 5’55”; 41. Simoni (Ita) a 9’19”; 43. Garzelli (Ita) a 9’24”; 60. Cunego (Ita) a 10’51”.
Oggi
Tarbes-Val d’Aran-Pla-de-Beret di 206,5 km. In diretta su Rai 3 dalle 14.45.