Destini

I popoli urlano nell’ebbrezza
delle loro feste, e sul cadavere
di un cinese si ubriaca
l’uomo di Chicago – boschi
in fiamme; e la cattedrale
si erge fra i raggi
di soli elettrici – risa
e bestemmie! Evocazioni
di dèi, questi o altri! Al di là
e al di qua dei mari luci:
scintille infinite di gioia e
di tormento. Famiglie in festa
oppure no; di giorno, da
guanciali di comodità
\[si stendono
alla ginnastica del piacere – E
quaranta milioni in fuga.
In cielo sale la luna: noi siamo
su una stella e domani
pioverà.