Il destino di Dsk: il bisnonno gestiva una casa chiusa

Parigi Un bisnonno di Dominique Strauss-Kahn, l’ex direttore del Fondo monetario internazionale, al centro di diversi scandali a sfondo sessuale, era il gestore di una casa chiusa: è quanto emerge da un libro di Jean-Louis Beaucarnot, esperto in genealogia, che svela le origini familiari di 89 personalità politiche e sindacali francesi.
Il libro di Beaucarnot racconta che «il bisnonno di Dsk, un professore di violino che si chiamava Léon Bricot, gestiva a Lons-le-Saunier (nella dipartimento del Jura) un albergo, che era in realtà una casa chiusa». «Il 18 giugno del 1888, uccise un suo cliente, un soldato turbolento, e fu condannato a sette anni di lavori forzati».