Detenuto in una cella piccola fa causa al carcere e la vince

Aveva otto compagni di cella, in uno spazio che avrebbe dovuto ospitare al massimo quattro persone: così un detenuto nel carcere di Marassi ha fatto causa e l’ha vinta. L’uomo, un tossicodipendente di 50 anni, è ricorso al Magistrato di Sorveglianza di Genova che gli ha dato ragione e ha intimato alla direzione del carcere della Valbisagno di evitare situazioni di sovraffollamento. Marassi è in effetti uno dei carceri più «pressati» d’Italia con 800 detenuti a fronte di 450 posti letto. «L’ordinanza della Magistratura di Sorveglianza di Genova punta il dito contro una situazione che denunciamo da tempo - dice Roberto Martinelli segretario generale del sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe, la più rappresentativa degli agenti che lavorano in carcere - In particolare questo detenuto che per le sue condizioni di salute deve seguire delle terapie è stato costretto a dividere una piccola cella con altre sette persone per venti ore al giorno».