Dettori superstar vuol sbancare Milano

Il più forte fantino del mondo in sella al francese Sudan nel Gp che fa gola a Vol de Nuit

da Milano

L’ippodromo del galoppo di San Siro oggi gioca gli assi di briscola: in cartellone, infatti, ci sono il Gran Premio di Milano, la corsa più importante della stagione estiva e le Oaks d’Italia, il Derby delle femmine. Il tutto condito dalla presenza di un certo Lanfranco «Frankie» Dettori, il fantino milanese di nascita e inglese di adozione che si è saldamente installato sul tetto dell’ippica mondiale e si presenta davanti ai suoi fans a San Siro con quattro ingaggi. E il commissario dell’Unire, conte Guido Melzi d’Eril, provvederà doverosamente a premiare il «figliol prodigo» per i recenti clamorosi exploit (leggi derby inglese in sella ad Authorized, derby francese con Lawman e Oaks francesi con West Wind).
Campo stringato e senza fuoriclasse nel «Milano», ma anche corsa priva di un favorito netto e aperta a svariate soluzioni. Potrebbe essere la volta buona per Vol de Nuit, il coriaceo grigio di Andrea e Sergio Scarpellini che, dopo un secondo e un terzo posto in questa classica, punta con buone chance al successo pieno, il primo in una prova di gruppo uno. Vol de Nuit, montato dall’asso italiano Mirko Demuro e sellato dal geniale Lorenzo Brogi, gradisce la distanza del miglio e mezzo della micidiale pista grande di San Siro - ritenuta a ragione una delle più selettive del mondo - e troverà un altro alleato nel fondo ancora morbido per le recenti piogge. Avversaria ostica Exhibit One, che ha preceduto di recente di stretta misura Vol de Nuit ma sulla pista di Capannelle. Molto seguito avranno l’inglese Hattan, buon quinto nella Coronation Cup e il francese Sudan, regolare ad ottimi livelli e, soprattutto, montato da Lanfranco Dettori. Non sono comunque fuori corsa i tedeschi Dickens e Donaldson e il 3 anni italiano Sopran Promo, quarto nel Derby.
Nelle Oaks, riflettori puntati sulla britannica Fashion Statement, capace di seguire in patria a poco più di una lunghezza una campionessa come Light Shift. Ma fra le 13 puledre alla gabbie di partenza fanno la loro bella figura anche le italiane Lokaloka, dominatrice del «Regina Elena», Shot Bless, imbattuta in 4 corse disputate sinora e la tedesca Scatina, che non nasconde mire di successo pieno.
E fra una corsa e l’altro il pubblico, oltre a godersi il più bel parco della città a soli 10 minuti dal Duomo, potrà gironzolare fra gli stand turistici ed enogastronomici della Regione Sicilia che sponsorizza la giornata. Non mancherà neanche un inconsueto fuori programma con risvolti benefici. Dopo la prima corsa, infatti, è prevista la cerimonia di consegna di un puledro purosangue di 2 anni a Vittorio Feltri. Si tratta di un regalo dell’allevatore e proprietario milanese Pietro Somaini all’ex direttore del Giornale. Tutto quello che il puledro - «battezzato» con il nome di Libero - vincerà durante la propria carriera di corse sarà devoluto a favore del Monastero di Nostra Signora della Carità, una struttura nel comprensorio del Santuario di Loreto che da anni accoglie le ragazze madri. Il puledro, attualmente in training presso le scuderie di Trenno di Alduino e Giuseppe Botti, verrà allenato e mantenuto gratuitamente dai due celebri trainer, mentre la Trenno provvederà a pagare l’affitto del box. Citiamo perchè chi fa beneficenza avrà pur diritto ad una citazione.