Deturpati i muri di una chiesa

Erano in tanti. E molti non hanno esitato a sfoggiare, con la solita aria di sfida (e nonostante la canicola pomeridiana) vistosi passamontagna. Proprio qualcuno di questi incappucciati, quindi, ha potuto violare con gli spray anche la facciata di un monumento sacro, la chiesa romena che si trova all’angolo tra via Edmondo De Amicis e corso di Porta Ticinese. Le scritte? Sempre le solite. «Morte al fascio», «articolo 18 per tutti», «liberi tutti». Eppure in corteo c’era anche un religioso come don Andrea Gallo. Che, insieme al premio Nobel Dario Fo, ha voluto accompagnare la manifestazione dall’inizio alla fine.