Deutsche Bank vuole più quote rosa: "Così la banca è più carina e colorata"

Il numero uno della Banca: "Aumentare la quota femminile per rendere l'istituto più colorato e più carino". Ma scoppia la polemica

Berlino - Aumentare la quota femminile nella direzione della banca per rendere la Deutsche Bank "più colorata e più carina". E' questa la rivoluzionaria e discutibile linea intrapresa dal numero uno dell'istituto tedesco. Una linea che ha immediatamente scatenato le polemiche. La "trovata" di Josef Ackermann si inserisce in un dibattito in corso da settimane in Germania sull’ipotesi di introdurre una quota rosa legale nelle direzioni dei grandi gruppi.

Rivoluzione alla Deutsche Bank Nel prendere atto che non vi è alcuna donna nel comitato esecutivo della Deutsche Bank, l’organismo immediatamente subordinato al Consiglio di amministrazione, Ackermann ha si è augurato che "un giorno o l’altro" la direzione possa essere "più caruccia e più colorata". "Chi ama le cose carine e colorate farebbe prima ad andare a fare una passeggiata nei campi di fiori", gli ha replicato il ministro per i consumatori, Ilse Aigner. Il responsabile delle relazioni esterne della Deutsche Bank ha difeso le parole di Ackermann, spiegando che erano state estrapolate dal contesto e comunque provenivano da un "gentiluomo vecchio stile". Ackermann si è detto finora contrario alla proposta di una quota rosa legale. L'istituto che dirige dà lavoro a un 44,3 per cento di donne, ma solo il 16,1 per cento dei posti direttivi è occupato da donne, sottolinea Handelsblatt.