Deutsche Post crolla a Francoforte

Il mercato di New York aumenta, giorno dopo giorno, la sua attenzione verso i titoli di società che controllano i listini azionari. La contesa è ora tra Nasdaq e Nyse per il controllo del London Stock Excange, e le quotazioni dei due titoli Usa crescono ancora intorno al 2%. In vendita anche una quota (10%) del N.Y. Mercantile Exchange, che ha trovato un compratore in General Atlantic. Brillano anche i finanziari, con Goldman Sachs in crescita del 6%, mentre tra i titoli tecnologici Sirius perde il 4,6%. Aria di fusioni anche in Europa, con Kinghfisher e Dsg Int. che a Londra crescono poco meno del 6%, nel mirino di società di private equity; mentre Lindt & Sprüngli cede il 3,6%. Irregolare la piazza di Francoforte che ha visto il tonfo di Deutsche Post (meno 7%). Sta rientrando il boom che aveva caratterizzato fin qui le Borse medio-orientali, sostenute dal rialzo del greggio. La piazza di Ryad è in calo del 17% e quella di Dubai cede l’11 per cento.