Deutsche Post: offerta per Exel

da Milano

Deutsche Post, nell’intento di proseguire la sua politica di diversificazione ed espansione all’estero, ha presentato al colosso britannico della logistica Exel un’Opa per un controvalore di 5,3 miliardi di euro. Lo scrive il Financial Times, riferendo che venerdì sera si è svolta la riunione del board di supervisione di Deutsche Post per dare il via libera all’operazione, mentre ieri si è riunito il consiglio di Exel per aderire all’offerta. L’annuncio ufficiale del takeover, che porterà alla creazione del numero mondiale della logistica, è atteso domani. Ma gli addetti ai lavori non escludono il possibile inserimento nella competizione di due «pesi massimi» delle consegne internazionali quali le americane Ups e Federal Express.
I termini dell’accordo prevedono un’offerta mista contanti-azioni da parte di Deutsche Post, che valuta Exel 12,40 sterline per azione (contro 12,22 della chiusura di venerdì, già influenzata dalla notizia dell’Opa). Il gruppo tedesco propone sinergie di costi per 200 milioni di euro all’anno. L’acquisizione assicurerà a Deutsche Post - in cerca di nuovi mercati poiché si avvicina la fine del suo monopolio nazionale (nel 2007) - una posizione leader nel management della logistica di contratto.