Devastano la scuola, poi tentano di allagarla

Michele Perla

Volevano allagare e rendere inagibile l’istituto scolastico, molto probabilmente da loro stessi frequentato. Ma qualcuno ha notato i movimenti dei teppisti e ha chiamato la polizia locale. E il tempestivo intervento dei ghisa ha evitato il peggio. I danni, pur essendo rilevanti dal punto di vista economico, non hanno però messo in ginocchio la struttura scolastica, che riaprirà regolarmente alla ripresa delle lezioni.
È successo durante il fine settimana a Legnano, dove è stata presa di mira la sede decentrata Medea dell’Itis Bernocchi di via B. Melzi-Paganini. Nel tardo pomeriggio alcuni giovani che avevano programmato il raid sono entrati in azione, convinti di poter agire indisturbati, anche grazie al fatto che in giro c’era pochissima gente. Mandata in frantumi una vetrata, hanno avuto accesso ai locali scolastici.
Devastata la vetrata della segreteria e alcuni armadi, i teppisti si sono diretti in alcune aule per rompere tutto quanto hanno trovato a portata di mano, poi in palestra. Per rendere ancora più appariscente l’incursione, hanno svuotato a terra nei corridoi e in molti locali il contenuto degli estintori, prima di srotolare il manicotto antincendio, grazie al quale sono stati otturati numerosi lavabi, segno evidente di un tentativo di allagamento della struttura.
«Con ogni probabilità con l’allagamento dell’istituto volevano imitare un episodio occorso mesi fa in un liceo milanese, episodio che tanto rilievo ha avuto nelle cronache, con danni ancora più gravi per l’attività della scuola e il patrimonio pubblico - ha dichiarato l’assessore alla Polizia locale Franco Falco -. Per fortuna, grazie alla preziosa segnalazione di un cittadino e all’intervento puntuale dei vigili, l’atto vandalico pur risultando grave non ha avuto l’efficacia sperata». Infatti, non appena i teppisti hanno udito le sirene delle auto dei ghisa, hanno abbandonato il campo di battaglia per darsi alla fuga. Sul raid sta indagando il nucleo territoriale della polizia locale: oltre ai rilievi segnaletici effettuati sul posto, nei prossimi giorni saranno sentite varie persone informate sui fatti. I vandali potrebbero essere individuati in brevissimo tempo.