Deviarono canali: cinque condannati

Tutto per un regio decreto vecchio di 102 anni: l’articolo 523 del 1904, che regola le norme sulle opere idrauliche. Cinque persone sono state condannate ieri dal Tribunale a pene (poi sospese) dai 3 ai 5 mesi di reclusione per aver deviato un canale d’acqua e per averne chiuso un altro per rendere edificabile un’area di via Mosca. Fontanili usati per l’irrigazione, e come vie di fuga per la falda acquifera. L’inchiesta, partita due anni fa dopo l’esposto di un’associazione ambientalista, aveva portato alla denuncia di un imprenditore di una cooperativa e di altre cinque persone, tra progettisti e proprietari del terreno.