Diagnosi precoce cercasi per il killer silenzioso

Dal oggi al 5 ottobre si tiene a Roma il 25° congresso nazionale della Società italiana dell’ipertensione arteriosa, il cui Presidente è il professor Bruno Trimarco dell’Università Federico II di Napoli. Obiettivo del congresso è la diffusione dei risultati più recenti della ricerca clinica e sperimentale nel campo dell’ipertensione arteriosa, che rappresenta la patologia più diffusa nel nostro Paese, e in generale nel mondo, ed è il principale responsabile degli eventi cardio e cerebrovascolari. Queste ultime considerazioni giustificano i grandi sforzi che la Società italiana sta operando per migliorare la diagnosi e la terapia di questa malattia. L’importanza di una diagnosi precoce è sottolineata dalla definizione di «killer silenzioso» che viene data dell’ipertensione arteriosa, che purtroppo ancora oggi viene diagnosticata, nel 30 per cento dei casi, solo per la comparsa delle complicanze. Per questo scopo è stato organizzato un Simposio in collaborazione con la Società italiana di pediatria per richiamare l’attenzione sulla diagnosi e sulla terapia dell’ipertensione arteriosa nel bambino e nell’adolescente, che rappresentano le popolazioni ideali, anche se purtroppo ancora troppo trascurate, per la prevenzione cardiovascolare.