Dialogo «a distanza» tra big e nuove leve del jazz

Ancora grande jazz per questa coda d’estate. Da domani al 7 settembre la Casa del Jazz ospita la quarta edizione di «Roma Jazz’s Cool». La manifestazione prende spunto dai seminari di alto perfezionamento organizzati dal Saint Louis College of Music, in cui erano coinvolti musicisti provenienti da ogni parte del mondo. Dagli incontri fra gli ospiti internazionali e i grandi nomi del jazz italiano, nasce l’idea di dare vita a un vero e proprio festival. Progetti originali e inediti accanto a formazioni già consolidate: questo il menu del «Roma Jazz’s Cool».
Ogni serata del festival prevede un doppio appuntamento: il primo alle 21, a pagamento, con i grandi nomi del jazz; il secondo alle 23, gratuito, dedicato ai giovani talenti. Si parte con il quintetto di Flavio Boltro e il suo «Tribute to Lee Morgan». Ospite al sax sarà Rosario Giuliani. A seguire, alle 23, il concerto del Raf Ferrari Quartet, che presenta il cd Pauper. Domenica 31 in scena i Doctor 3 (Danilo Rea, Enzo Pietropaoli, Fabrizio Sferra), con un vasto repertorio che spazia dai Beatles alla musica italiana d’autore. Chiusura della serata affidata agli Chat Noir. Il primo settembre spazio a una produzione originale del Festival, con tre dei più raffinati musicisti del jazz italiano: Antonio Faraò, Rosario Giuliani e Dario Deidda, che incontrano il batterista americano Jeff Tain Watts. Alle 23, il contrabbassista Enzo Pietropaoli presenta il cd Nota di basso. Martedì 2 appuntamento con gli Aires Tango di Javier Girotto, mentre in chiusura di serata ci sarà il quartetto di Nicola Di Tommaso, secondo classificato al premio «Jazz Contest 2008». Mercoledì 3 un altro progetto originale, con il duo formato dalla vocalist inglese Norma Winstone e dal chitarrista Peo Alfonsi. La Winstone è una delle più importanti esponenti dell’avanguardia musicale londinese, autrice di una complessa sperimentazione delle tecniche vocali, imperniata sull’uso «strumentale» della voce. Giovedì 4 ancora un progetto inedito, con l’incontro tra il contrabbassista Scott Colley, Roberto Gatto e Salvatore Bonafede. Alfieri dei giovani saranno i Tricatiempo, premio speciale della giuria tecnica al «Jazz Contest 2008». Produzione originale anche venerdì 5, con il trio del pianista Joey Calderazzo, con Rosario Bonaccorso al contrabbasso e Roberto Gatto alla batteria. Alle 23 Laura Lala, vincitrice del «Jazz Contest 2008». Gran finale domenica 7: dalle 18 alle 24 quindici gruppi selezionati fra i migliori allievi dei seminari estivi si alterneranno sul palco, con ospiti a sorpresa.